Se vi trovate in Belgio, non potete non passare anche da Bruges (o Brugge), un’incantevole cittadina capitale delle Fiandre occidentali inserita nella World Heritage List dall’UNESCO nel 2000.

Bruges viene chiamata “la Venezia del Nord”, grazie ai numerosi canali navigabili che attraversano le architetture gotiche della città, facendola sembrare sospesa per aria. Il modo più pratico per visitarla è a piedi o in bicicletta, anche se navigando i canali si scoprono scorci suggestivi che difficilmente sarebbero visibili dalla terraferma. Si è anche guadagnata il titolo di città più romantica delle Fiandre: basta fare una passeggiata fra i suoi viali acciottolati e pittoreschi ponti per sentirsi subito catapultati in un’altra epoca,

Il centro storico di Bruges conserva ancora la sua architettura medievale, non essendo stato colpito da guerre o incendi.

Bruges vanta anche un’eccellente gastronomia locale, tra cui il salmone agli asparagi, il filetto di maiale “à la brugeosie”, le croquettes aux crevettes (crocchette di patate ai  gamberetti), il filetto di merluzzo “à la flamande” oltre alle famosissime cozze con patatine fritte; il mercato ‘T Zand offre dell’ottimo cibo fiammingo a prezzi accessibili.

Per i palati più golosi, Bruges ha in serbo una prelibatezza dal nome suggestivo: Choco Story, un museo dedicato alla storia del cioccolato in un percorso di parole, immagini ma anche e soprattutto sapori. Un itinerario elaborato per soddisfare la vista, l’olfatto e, naturalmente il gusto. E chi vorrà scoprire i segreti di fabbricazione di praline e tavolette non dovrà che seguire attentamente il percorso, tenendo ben aperte orecchie e papille gustative.